La Valchiavenna e la Splendida Materia.

 

Un valore artistico straordinario e unico dei beni del nostro territorio ed il dovere di tramandarlo, consegnandolo alle generazioni future: da questi principi trae spunto il progetto denominato “Splendida Materia”, tutto indirizzato alla valorizzazione dei Tesori d’Arte in Valchiavenna, promosso dal sistema museale della Diocesi di Como e dal Museo del Tesoro di Chiavenna.
La proposta prevede nella sua programmazione una nutrita serie di iniziative con il fine di allargare la conoscenza delle opere d’arte, custodite in questo magnifico territorio così ricco di storia, ad un pubblico più vasto attraverso occasioni di incontro e vere e proprie lectio condotte da specialisti della storia dell’arte.
Un’arte che sia fruibile, appetibile al pubblico, rispettando quelli che sono i canoni posti alla base dell’arte stessa: tramandare il bello.
Il progetto, prende forma grazie a due piani di collaborazione con la popolazione studentesca locale: attraverso visite museali e laboratori didattici, con attività pratiche sperimentali su tecniche d’arte quali la carta memorizzata, la colla, lo spolvero, lo sbalzo, la doratura a missione e l’intaglio, in accordo con l’Istituto comprensivo Giuseppe Garibaldi di Chiavenna.
E poi, attraverso un percorso didattico che prevede, in collaborazione con l’istituto professionale chiavennasco “Crotto Caurga”, laboratori e approfondimenti in modo da permettere agli studenti, un avvicinamento alle tematiche di conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale.
Oltre a questo, sono ben sette gli appuntamenti, da qui alla fine del marzo prossimo, attraverso i quali “Splendida Materia”si srticolerà. Il primo la scorsa domenica, 28 ottobre, a Prosto di Piuro, presso l’Ospitale dei Poveri, con l’incontro dal titolo “Lumaga di Piuro tra Arte e Fede”.
Il prossimo 11 novembre sarà la volta della Chiesa parrocchiale di Gordona, per la giornata dal titolo “La chiesa di San Martino a Gordona e le sue oreficerie”.
Ultimo appuntamento previsto, il 24 marzo prossimo, quando nella Chiesa di San Martino in Aurogo, Federico Riccobono, Alessandra Marinucci e Paolo Bonizzi presenteranno l’incontro dal titolo “Le chiese romaniche di Piuro, la Forma dell’Immagine”.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top